Chiedi un Preventivo

Altre proposte in localita:

CEGLIE_MESSAPICA

Image

Ceglie_messapica - Informazioni Turistiche

Ceglie Messapica è un comune italiano di 20 639 abitanti[1] della provincia di Brindisi in Puglia ed è uno dei centri più grandi della provincia. È una delle città più antiche della Puglia e fu fondata attorno al XV secolo a.C., e per le sue chiese molto antiche, il castello e il cibo prelibato, gli stranieri ne sono molto attratti.

Vacanze Ceglie_messapica: villaggi, appartamenti, ville e case vacanza

Offerte Vacanze Ceglie Messapica: 2

Vai a Pagina: 1

Hotel Masseria Beneficio

La Masseria Hotel Beneficio è un hotel a quattro stelle restaurato con grande cura,è situata a Ceglie Messapica fra Brindisi e Taranto è una località privilegiata da cui è possibile raggiungere in breve tempo le principali località turistiche della regione, le meravigliose spiagge di sabbia bianca del mar Adriatico e del mar Ionio

Località: CEGLIE MESSAPICA     Posti 20     cod. S270

Villaggio la Fontanina Relais

Il Relais La Fontanina si trova a Ceglie Messapica ed è un ristorante wine hotel nel senso che oltre ad avere delle camere dedicate al vino e offrire cene a tema, dà la possibilità di conoscere ed degustare i migliori prodotti vinicoli delle aziende partner.

Località: CEGLIE MESSAPICA     Posti 2/6     cod. Q028

Vai a Pagina: 1

Se non hai trovato la struttura adatta alle tue esigenze, o se cerchi soluzioni alternative alle tue vacanze, selezioni una delle altre strutture messe a nostra disposizione sul nostro portale. Se invece vuoi essere consigliato da ''NOI'' o se vuoi ricevere un preventivo senza nessun impegno di prenotazione clicca qui, e invia il modulo di richiesta informazioni. Saremo lieti di risponderle entro poche ore, con consigli utili per la sue vacanze.

Cenni storici su Ceglie Messapica

Secondo una leggenda, la fondazione di Ceglie sarebbe legata all'arrivo in Italia del mitico popolo dei Pelasgi, al quale è attribuita la costruzione di manufatti megalitici noti con il nome di specchie.
In seguito all'arrivo di coloni greci nella zona, intorno al 700 a.C., la città assunse il nome di Kailìa. Il nucleo urbano, esteso ai piedi di un colle (nella zona dove attualmente sorge la stazione ferroviaria delle Ferrovie Sud-Est), era difeso da fortificazioni i cui scarsi resti sono noti con il nome locale di "Paretone". Presso la città sarebbero sorti santuari extraurbani dedicati alle divinità greche Apollo (in corrispondenza dell'odierna chiesa di San Rocco), Venere (sulla collina di Montevicoli) e sotto la Basilica di Sant'Anna nel corso dei lavori di sondaggio i frammenti di ceramica votiva e resti del tempio della Dea Latona madre di Apollo e Diana (Archivio 1987).
Nel territorio circostante erano già stati fondati gli importanti monasteri dell'abbazia di Sant'Anna, alla periferia dell'odierno abitato e della Madonna della Grotta, di cui resta la chiesa, sulla via vicinale per Francavilla Fontana. Nel 1521 venne costruita al posto della chiesa matrice la collegiata, ingrandita e arricchita di decorazioni barocche nel 1786.
Il 24 ottobre 1584 il feudo venne ceduto in permuta da Cornelio Pignatelli a Ferdinando Sanseverino, conte di Saponara e barone di Viggianello. I Sanseverino ampliarono il castello e promossero la fondazione del convento dei Cappuccini, oggi scomparso, e di quello dei Domenicani, sede del comune fino al 2005. Ai Sanseverino subentrarono quindi i Lubrano e i Sisto y Britto: in seguito all'estinzione di questa casata con il duca Raffaele, nel 1862, il castello e le residue proprietà dell'ex feudo vennero ereditate dalla famiglia Verusio.
Durante il Risorgimento ebbe sede a Ceglie una vendita carbonara, ad opera di Domenico Termetrio di Cisternino, e una sezione della Giovine Italia, ad opera di Pietro Elia, amico personale di Giuseppe Mazzini. Dopo l'annessione al Regno d'Italia visse un periodo di fioritura e agli inizi del XX secolo vide una crescita demografica, nonostante la presenza del fenomeno dell'emigrazione.





Informazioni e curiositÓ su Ceglie Messapica

Specchie
Nell'agro del comune di Ceglie Messapica sono presenti ben 18 specchie che circondano l'abitato descrivendo una forma ellittica: Monte Pelusello, Talene, Facciasquata, Castelluzzo, S. Lucia, Tarantina II, Oliva, Puledri, Capece, La Selva, Cervarolo, Madonna della Grotta, Pezze di Ferro, Montefocaro, Virgilio, S. Paolo, Sativa, Foggia Vetere e Specchia Tarantina. È da ritenere che le specchie, o almeno alcune, abbiano avuto anche una funzione sepolcrale. Ad esempio la specchia di Castelluzzo presenta una struttura architettonica a carattere difensivo ma all'interno sono state ritrovate celle funerarie e frammenti di terrecotte.
Siti e Segnalazioni archelogiche
Oltre alle specchie sopracitate nel territorio comunale sono segnalati i seguenti siti archeologici: insediamento Preistorico Masseria San Pietro, abitato medioevale e necropoli romana Campo d’Orlando, abitato e necropoli Masseria Genovese, abitato e necropoli Conca di Scrina, grotte Masseria Le Croci, cripta Masseria Sant'Angelo, Paretone (antica cinta muraria della città di età messapica sottoposta a vincolo)
Castello Ducale
Il Castello si erge su uno dei due colli su cui è posta Ceglie. Alla struttura si accede attraverso un ampio portale con arco a tutto sesto e un ingresso con volta ad ogiva che immette nell'atrio di forma irregolare circondato dalle varie ali del castello. A sinistra è collocata la torre normanna che costituisce la parte originaria del castello, risalente pressappoco al 1100. La torre di forma quadrata è il simbolo tradizionale della Città, è alta 34 m, conserva ancora tracce visibili del suo carattere militare.
Teatro
Alla fine dell'Ottocento l'intera città fu interessata da un processo espansivo con la costruzione di importanti edifici che per l'epoca rappresentarono un salto di qualità nella crescita economica e produttiva della città e della sua popolazione. Il teatro fu progettato dall'ingegnere Antonio Guariglia di Lecce. Il sindaco, Giuseppe Elia, ne avviò i lavori nel 1873 ma l'opera venne terminata molti anni dopo e venne inaugurato il 30 aprile del 1878. I lavori vennero eseguiti da maestranze locali. La facciata, il solo elemento originario che si conserva del Teatro Comunale, chiamato Politeama Giacosa, è in sobrio stile neoclassico e pochi elementi decorativi barocchi, con un solo ingresso ad arco a tutto sesto. Il manufatto architettonico ha svolto la sua funzione di teatro sino agli inizi dei XX secolo per poi diventare, nel corso del tempo, prima cinematografo, poi stalla durante la seconda guerra mondiale, quindi sala matrimoni, infine deposito della nettezza urbana. Dopo una lunga fase di restauro iniziata sul finire del XX secolo la struttura ha ricominciato a svolgere il suo ruolo originario di Teatro pubblico.
Masserie
Masseria MontecchieNel territorio comunale sono presenti numerose masserie, di cui alcune fortificate.
Collegiata
Affresco del CarellaChiesa consacrata al culto della Vergine Assunta. La chiesa sorge sulla vecchia acropoli, le origini risalgono al 1521 mentre l'attuale edificio risale al 1786. Infatti tra il 1781 e il 1786 l'edificio sacro fu ampliato e ristrutturato secondo il progetto dell'architetto napoletano Giovanni B. Broggia che diede allo stesso un aspetto Barocco. Il complesso risulta avere una pianta a croce greca ed è affiancato dalla torre campanaria, la facciata è in stile proto-Neoclassico, la cupola è maiolicata.
Chiesa di San Rocco
Santuario di San Rocco fu costruito sul punto più alto di una collina dove sorgeva una Cappella edificata intorno al XVI secolo dedicata al Santo di Montpellier. Su quel colle, si dice che in tempi remoti fosse ubicato un tempio pagano che cambiò nome quando la popolazione, afflitta da pestilenze, cominciò a rivolgersi al Santo protettore degli appestati. Le prime notizie riguardanti la storia dell'edificio risalgono al 1595, quando fu compiuta una visita apostolica nella diocesi di Oria da parte di S.E. Mons. Camillo Borghese, vescovo di Castro. Dalla relazione di questa visita si capisce che vi è la prima costruzione di una chiesa dedicata a San Rocco fuori dalle mura a Ceglie.
Chiesa di San Gioacchino
Chiesa di San GioacchinoChiesa dedicata al culto di San Gioacchino. Fu eretta, a partire dal 1869, su suolo donato da alcuni cittadini, con il fattivo contributo del popolo di Ceglie. Il progetto e la costruzione furono affidati ai fratelli Cavallo (maestri muratori del posto). L'edificio ha una pianta ottagonale lungo il cui perimetro si elevano le murature portanti atte a sostenere il tamburo e la volta emisferica, la cupola secondo il progetto originario doveva essere rivestita con maioliche colorate.
Chiesa di San Domenico
La chiesa è annessa ad uno ex convento monacale dell'ordine domenicano che ha ospitato per anni (fino al 2004) la sede del palazzo di città. Il complesso fu edificato tra il 1534 e il 1570, in una delle sue ali ha ospitato anche un sanatorio. La chiesa è in stile barocchetto leccese, l'edificio è ad una sola navata cui si affiancano cappelle dai caratteristici altari barocchi in pietra, sormontati da pale e medaglioni di grande suggestione. All'interno, sulla porta centrale è posta l'Ultima Cena, opera del Casale datata 1776.
Abbazia di Sant'Anna
Costruita sui resti di un tempio pagano – come recenti indagini hanno accertato in modo credibile – dedicato presumibilmente alla dea Latona, l'abbazia è datare nel IX secolo d.C., le prime notizie documentate risalgono al 1182 e sono contenute nel Codice Diplomatico Brindisino[13]. La facciata dell'abbazia, semplice e lineare, è caratterizzata dai campanili a vela ad un fornice, simili a quelli della chiesa dell'Annunziata e della chiesa della Madonna della Grotta. Nella parte posteriore, sotto la calce si riconosce un protiro trecentesco di stile gotico. L'interno, ad una sola navata, spicca per la vivace policromia delle pareti: sopra l'ingresso è visibile il grande affresco trecentesco raffigurante la Morte della Santa. Di notevole pregio una tela di autore ignoto raffigurante la Sacra Famiglia, ed il dipinto ad olio ottocentesco attribuito a Vito Nicola Galeone, raffigurante la Madonna col Bambino e santi Cosimo, Damiano e Antonio da Padova. L'altare, tipicamente barocco nelle forme, conserva la statua lignea della Santa del XVIII secolo; sulla sommità è collocato il dipinto della Presentazione di Maria al Tempio.

Come raggiungere CEGLIE MESSAPICA in autoIN AUTO

Collegamenti stradali principali sono rappresentati da: Superstrada Bari-Lecce collega Brindisi con Lecce, con Bari e con l'Autostrada A14. SS 16 Adriatica costituisce la Tangenziale di Brindisi ceglie Messapia dista 40 Km

Come raggiungere CEGLIE MESSAPICA in aereoIN AEREO

L'aeroporto di Brindisi ha collegamenti giornalieri con le maggiori città italiane ed europee. Lo scalo, distante 6 km dal centro cittadino, serve l'intera provincia di Brindisi, quella di Lecce ed in parte anche quella di Taranto.

Come raggiungere CEGLIE MESSAPICA in trenoIN TRENO

Trasporti ferroviari sono assicurati dalla stazione di Brindisi Centrale, parte del circuito Cento Stazioni con collegamenti verso tutte le località servite dalla linea adriatica e jonica.

Prenota Online