Banner Image

Chiedi un Preventivo

Altre proposte in localita:

VIESTE

Image

Vieste - Informazioni Turistiche

Vieste è un comune di 13.414 abitanti della provincia di Foggia. Fa parte del Parco Nazionale del Gargano e della Comunità Montana del Gargano.
Rinomata stazione balneare garganica, per la qualità delle sue acque di balneazione è stata più volte insignita della Bandiera Blu, prestigioso riconoscimento della Foundation for Environmental Education.
È la città più orientale del promontorio del Gargano e della provincia di Foggia. La particolare situazione urbanistica di Vieste è legata al fatto che il Gargano, rispetto al resto della costa adriatica, è un corpo estraneo di origine carsica. Forma dunque un paesaggio montuoso caratterizzato da strati calcarei, spesso erosi dall'azione marina. Il paesaggio rende peraltro difficili le comunicazioni con i comuni vicini e con il capoluogo di provincia, Foggia, che dista peraltro 99 km.
Il nucleo dell'abitato sorge su una piccola e rocciosa penisola, dalla forma più o meno simmetrica e caratteristica per le sue due punte:
Punta di San Francesco, rivolta verso est, rialzata e rocciosa: è qui che si ritrova il centro medievale, dato che questa parte della penisola offriva i migliori requisiti di sicurezza. In questa parte, ricca di vicoli, scalinate ed archi, si ritrova la maggior parte dei più prestigiosi edifici storici (Chiesa di San Francesco, cattedrale).
Punta di Santa Croce, rivolta a nord, che a differenza della prima non si trova in posizione particolarmente rialzata. In questa zona, relativamente pianeggiante, il comune ha cominciato ad espandersi soltanto verso l'Ottocento. La formazione di nuovi quartieri portò successivamente la vita di paese (nuovo municipio, parco comunale, chiesa di Santa Croce ecc.) a gravitare sempre più verso questa parte. È da questa parte che si ritrova il porto di Vieste, tutt'oggi importante per le attività peschiere e per il traffico marittimo verso le Isole Tremiti, la Croazia e verso Manfredonia.
Tra le due punte si ritrova la piccola spiaggia della Marina piccola, rivolta verso il faro (ove vige divieto di balneazione). A sud della punta di San Francesco si ritrova la lunga spiaggia sabbiosa del Pizzomunno che inizia dalle rocce calcaree sulle quali fu costruita la città e che si estende verso sud in direzione di Pugnochiuso. Ad ovest della punta di Santa Croce, invece, si ritrova l'altrettanto lunga spiaggia di San Lorenzo, che a differenza della prima è ancora abbastanza ricca di spiagge libere. Inizia dal settore urbano edificato a partire dall'Ottocento (zona del porto) per estendersi verso ovest, in direzione di Peschici.
Lungo la costa è possibile ammirare alcuni trabucchi, antiche installazioni da pesca provviste di lunghi bracci in legno che sostengono una rete. È questo uno degli elementi storici che distinguono la zona garganica rispetto al resto della Puglia, per avvicinarla tendenzialmente alle province confinanti a nord (coste di Abruzzo meridionale e Molise).

Vacanze Vieste: villaggi, appartamenti, ville e case vacanza

Offerte Vacanze Vieste: 15

Vai a Pagina: 1| 2

Villaggio Camping La Giara a Vieste

Il Villaggio Camping La Giara è situato nella Baia di Molinella a Vieste e grazie al team di animazione, è consigliato sia a gruppi di giovani che alle famiglie.

Località: VIESTE     Posti 2/6     cod. C015

Gattarella Hotel Residence Vieste

Gattarella Resort è uno dei più famosi hotel del Gargano, particolarmente apprezzato per la straordinaria bellezza del paesaggio circostante, la splendida pineta sul mare e la spiaggia di finissima sabbia. Completamente ristrutturato, si propone per servizi, soluzioni, sports ed animazione ideale sia per chi vuole trascorrere una vacanza dinamica sia per chi invece desidera una pausa di meritato riposo.

Località: VIESTE     Posti 2/12     cod. C038

Pellegrino Palace Hotel Residence

Pellegrino Palace Hotel Residence si trova a Vieste a poca distanza dal centro abitato, direattamente sul mare.

Località: VIESTE     Posti Camere,villette, bilo     cod. D044

Residence Argeste Club Vacanze

Il Residence Argeste Club Vacanze si compone di villette a schiera su due livelli. Il Residence dispone di vari appartamenti, tutti con ingresso indipendente e veranda, giardino o terrazzo.

Località: VIESTE     Posti 2/12     cod. C009

Sole Mare Residence Club

Il "Sole Mare Residence Club" è situato nella rinomata Baia di Molinella (Gargano - Vieste) a pochi passi dalla spiaggia, immerso nel verde.

Località: VIESTE     Posti 2/6     cod. D104

Oasi Club Hotel e Residence

L'Oasi Club Hotel e Residence è un complesso di recente costruzione funzionale e confortevole. Sorge all'interno di un ampio parco con un gradevole giardino mediterraneo.

Località: VIESTE     Posti 100     cod. D012

Villaggio Residence Baia degli Aranci

Villaggio Baia degli Aranci è un meraviglioso Resort, dista 150 mt dal mare ed è inserito in una grande oasi di natura di 110.000 mq.

Località: VIESTE     Posti Mono,Bilo,Trilo     cod. D103

Villaggio Residence Club Piano Grande

Il Villaggio Club Piano Grande a Vieste offre la soluzione in residence e in hotel. E' ubicato nei dintorni della Foresta Umbra ed attiguo alla spiagge di Vieste.

Località: VIESTE     Posti 2/5     cod. A054

Garden Hotel Ripa

Garden Hotel Ripa a Viste, è situato a 30 metri dalla propria spiaggia privata. Dispone di 52 camere climatizzate, frigobar, telefono, tv satellitare, cassaforte e asciugacapelli.

Località: VIESTE     Posti 52 camere     cod. D045

Villaggio Turistico Pugnochiuso Resort

Pugnochiuso Resort è il più grande Villaggio Vacanze all'interno del Parco Nazionale del Gargano. Il Villaggio offre 4 strutture diverse: Hotel del Faro, Hotel degli Ulivi, Villette delle Macine, Residence del Belvedere e il Centro Congressi.

Località: VIESTE     Posti 2/12     cod. D084

Vai a Pagina: 1| 2

Se non hai trovato la struttura adatta alle tue esigenze, o se cerchi soluzioni alternative alle tue vacanze, selezioni una delle altre strutture messe a nostra disposizione sul nostro portale. Se invece vuoi essere consigliato da ''NOI'' o se vuoi ricevere un preventivo senza nessun impegno di prenotazione clicca qui, e invia il modulo di richiesta informazioni. Saremo lieti di risponderle entro poche ore, con consigli utili per la sue vacanze.

Cenni storici su Vieste

Il territorio comunale risulta abitato dall'uomo fin dal Paleolitico, come testimoniato dai numerosi siti archeologici e reperti ritrovati in diverse aree.
Sicuramente questo fu dovuto al clima mite, alle diverse sorgenti di acqua potabile, al terreno fecondo con abbondanza di frutta, alla varietà di selvaggina sia stanziale che migratoria e alla ricchezza di pesci nelle diverse insenature lungo la costa.

Il territorio viestano ricco di selce, permise all'uomo nella Preistoria la realizzazione di manufatti litici utilizzati come strumenti per il lavoro, la caccia o la difesa. In contrada Defensola, a circa tre chilometri dal centro abitato, è stata scoperta una miniera di selce, definita una delle maggiori d'Europa.
Sono inoltre visibili resti di tombe dell'Età del ferro nelle vicinanze del castello e sulla punta di San Francesco. Nel territorio comunale vi era anche, in contrada Molinella, un dolmen che purtroppo è andato irrimediabilmente distrutto. Infatti i reperti archeologici ritrovati nel territorio viestano vengono purtroppo immancabilmente lasciati a se stessi (se non in alcuni casi addirittura occultati) e questo ne determina il deterioramento e la distruzione.
Per quanto riguarda il periodo successivo, innumerevoli reperti archeologici testimoniano l'insediamento degli antichi Greci e dei Romani.
Dopo l'appartenenza all'impero romano e impero bizantino, cadde sotto la dominazione dei longobardi. Più tardi, iniziò come per le città vicine il periodo normanno-svevo, che contribuì allo sviluppo urbanistico della città.
Come altre città pugliesi, fu spesso esposta ad attacchi provenienti dal mare. Si ricordi il pesante saccheggio da parte dei Veneziani nel 1239. Uno dei popoli più pericolosi, per Vieste, erano i Turchi, i quali compirono incursioni anche sanguinarie. Particolarmente grave fu l'episodio di Dragut Rais, che nel 1554 fece decapitare migliaia di viestani. Il fatto è ancora ricordato da una targa presso la cattedrale.

Vieste fu sede del Vescovo tra il 993 ed il 1817. Tra le costruzioni principali, come in altre città pugliese, si ricordano innanzitutto la Basilica Cattedrale romanica ed il Castello, entrambi oggetto delle cure di Federico II di Svevia dopo che i veneziani avevano arrecato grande danno alla cittadina.
La Cattedrale sorge in una delle zone più alte di Vieste, circondata da edifici poco meno alti. Il suo impianto tipico del romanico pugliese si ritrova in perfetta armonia con il campanile della chiesa, non particolarmente slanciato ma sapientemente progettato in stile barocco dopo un crollo nel 1772. La chiesa, Basilica a tre navate, reca tracce di continui adattamenti sovrappostisi nel corso dei secoli. Nel complesso, rimane molto poco della struttura originaria medievale. Come le altre cattedrali della zona, è dedicata alla Maria Assunta.
Il Castello, massiccia costruzione fatta edificare dagli Svevi, domina il profilo della città vista da lontano con la sua figura imponente. A pianta triangolare, si distingue dagli edifici e dal paesaggio circostante per il suo colore bruno, e si erge a strapiombo sulle rocce calcaree che danno sul mare. Le tre punte del suo perimetro sono rinforzate da caratteristici bastioni a punta. Fu danneggiato durante le incursioni veneziane e durante la prima guerrra mondiale. È attualmente usato dall'esercito.
Nei pressi di queste costruzioni si trova la Porta ad Alt, carattteristica per l'arco acuto. Costituiva l'ingresso principale della città.

Leggenda del Pizzomunno
All'inizio della spiaggia detta del Castello, ovvero quella a sud del centro abitato, si erge, quasi a guardia di Vieste, un monolite alto circa 25 metri chiamato Pizzomunno che è il simbolo stesso della cittadina garganica. Ad esso sono legate alcune leggende, spesso variazioni una dell'altra.
Si racconta che al tempo in cui l'attuale città era solo un villaggio composto da sparute capanne ed abitato da pescatori vi vivesse un giovane alto e forte di nome Pizzomunno. Sempre nello stesso villaggio abitava anche una fanciulla di rara bellezza, con i lunghi capelli color del sole di nome Cristalda.

I due giovani si innamorarono, amandosi perdutamente senza che niente potesse separarli. Pizzomunno ogni giorno affrontava il mare con la sua barca e puntualmente le sirene emergevano dai flutti marini per intonare in onore del pescatore dolci canti. Le creature marine non si limitavano a cantare, ma prigioniere dello sguardo di Pizzomunno gli offrirono diverse volte l'immortalità se lui avesse accettato di diventare il loro re e amante. L'amore che il giovane riversava su Cristalda, però, rendeva vane le offerte delle sirene.
Una delle tante sere in cui i due amanti andavano ad attendere la notte sull'isolotto che si erge di fronte alla costa, le sirene, colte da un raptus di gelosia, aggredirono Cristalda e la trascinarono nelle profondità del mare. Pizzomunno rincorse invano la voce dell'amata. I pescatori il giorno seguente ritrovarono il giovane pietrificato dal dolore nel bianco scoglio che porta ancora oggi il suo nome.
La leggenda racconta ancora che ogni cento anni la bella Cristalda torna dagli abissi per raggiungere il suo giovane amante e rivivere per una notte sola il loro antico amore.

Varianti della leggenda vogliono che il nome della giovane sia Vesta o Vieste (legando così anche il nome della città a questa leggenda), o ancora vogliono che la bella fanciulla fosse figlia di una divinità marina che si opponeva all'amore con il giovane viestano e che per questo loro sentimento fu punita. Altre variazioni sul tema vogliono che la ragazza fosse la moglie di Pizzomunno e che fu assalita mentre attendeva sulla spiaggia il ritorno del compagno pescatore.



Informazioni e curiositą su Vieste
La festa di S. Maria di Merino, il 9 maggio è una delle piu importanti ricorrenze nel panorama locale. Attira ogni anno centinaia di viestani sparsi in tutto il mondo che ritornano al paese per assistere alla processione che partendo dalla Cattedrale, arriva fino al santuario, situato a 7 km circa dal cetro abitato. La Madonna, portata solennemente in trono, attraversa il paese fino alla Villa comunale. Qui, dopo aver effettuato il cambio della cassa (viene riposta in un trono piu leggero), viene portata a spalla dal popolo per tutti i 7 km fino al santuario. Particolare originale, sta nel fatto che la cassa è costituita in modo da procedere con la madonna rivolta verso i lati della strada, cosicché, durante il percorso d'andata è rivolta verso il mare e durante il ritorno è rivolta verso i campi, proteggendo, cosi, le due antiche principali fonti di sostenamento dei viestani. Analoga importanza è data alla festa di San Giorgio, il 23 aprile. La statua lignea del Santo, anch'essa conservata nella Cattedrale, viene portata in processione lungo le strade del paese assieme alle altre statue.
Fino a qualche decennio fa, la festa era anche l'occasione per la tradizionale frittata che veniva offerta gratuitamente dall'amministrazione comunale ai cittadini e preparata dagli studenti dell'IPSSAR, scuola professionale alberghiera fra le più rinomate della regione. Oggi questa tradizione centenaria è ancora viva, anche se la famosa Collina di S. Giorgio, meta del successivo picnic a base di frittata, è stata soggetta ad urbanizzazione. Durante la festa di S. Giorgio, viene anche effettuata la tradizionale corsa di cavalli, sulla spiaggia di Pizzomunno (o della Scialara). La corsa, priva di sofisticate attrezzature di rilevamento ed affidata ad improvvisati giudici di linea, finisce spesso in bagarre, per l'attribuzione del primo premio. Da ricordare fra i vari "fantini", "Str'sciott", vincitore incontrastato di decine di edizioni negli anni '60 e '70 e Matteo "Cavallo", del quale molti ignorano il vero cognome, detto cosi, per la sua passione smisurata per i cavalli.

I dintorni di Vieste si distinguono per la presenza di diverse attrattive turistiche di enorme interesse geografico e storico.
Vieste è sempre stata un punto di riferimento di primo piano per partenza ed arrivo alle Isole Tremiti, situate poco lontano a nord della costa.
Vale esattamente lo stesso discorso per la Foresta Umbra, che (nonostante le dimensioni notevolmente inferiori rispetto al medioevo) costituisce un patrimonio biologico inestimabile per l'Italia del Sud.
La necropoli paleocristiana La Salata, situata ad est della cittadina, è una delle più antiche e caratteristiche del bacino mediterraneo.
Il santuario di Santa Maria di Merino, situato poco lontano.
Le grotte scavate dal mare nella roccia calcarea del Gargano, che ha generato delle cavità e formazioni rocciose dalle forme più svariate e bizzarre. Ne è un esempio particolare il Pizzomunno. Lo stesso discorso vale per l'Architiello, scavato dall'erosione presso la strada per Pugnochiuso a sud di Vieste.
Una piaga che periodicamente si abbatte su Vieste e sui comuni vicini è quella degli incendi, normalmente dolosi o colposi, come quello che nel luglio del 2007 ha interessato la zona soprattutto di Peschici, coinvolgendo Vieste in maniera marginale. Particolari situazioni meteorologiche come lo scirocco possoni infatti favorire l'espandersi degli incendi, che potrebbero danneggiare patrimoni insostituibili come Foresta Umbra.

Come raggiungere VIESTE in autoIN AUTO

Da nord: Uscire dall'autostrada A/14 Bologna-Taranto al casello di Poggio Imperiale, quindi seguire la Superstrada Garganica fino a Rodi Garganico. Prosegure per Peschici e quindi seguire la litoranea fino a Vieste. Da Sud: Raggiungere Manfredonia, seguire la superstrada per Mattinata e quindi la litoranea per Vieste.

Come raggiungere VIESTE in aereoIN AEREO

Aeroporti di Foggia e Bari.

Come raggiungere VIESTE in trenoIN TRENO

Stazione di San Severo e Foggia (ca.100 km.) dal piazzale della stazione partono autopullman diretti a Vieste.

Prenota Online